Diavolo della Tasmania

Diavoli della Tasmania

Provenienti da quest'isola in Australia, i demoni sono marsupiali spazzini.

Il diavolo della Tasmania è un marsupiale carnivoro, la cui natura turbolenta attraverso le urla e il ringhio gli è valsa un tale nome.

Originario dell'isola più meridionale dell'Australia, la Tasmania; i demoni (nome scientifico: sarcophilus harrisii) sono spazzini con una testa prominente e un potente morso fino a 84 chilogrammi per centimetro quadrato con cui possono facilmente rompere le ossa di cadaveri in decomposizione.

Immortalato nei cartoni animati, questo marsupiale gioca un ruolo importante nel catena alimentare sito.

Con un grande naso per le carogne, i demoni aiutano il loro habitat a decomporsi e degradare i nutrienti nell'ecosistema, mangiando qualsiasi animale morto. Tuttavia, possono cacciare prede più piccole, principalmente uccelli, lucertole, insetti, persino piccoli wallaby, la famiglia dei canguri.

Normalmente, i demoni mangiano circa il 15% del loro peso corporeo ogni giorno, anche se possono mangiare fino al 40% del loro peso corporeo in trenta minuti se se ne presenta l'opportunità e immagazzinare il grasso in eccesso nella coda.

Questi marsupiali trovano rifugio in tronchi, cespugli, tane o grotte sotto le rocce, da dove possono viaggiare fino a 16 chilometri per trovare cibo guidati da quell'acuto senso dell'olfatto.

I diavoli della Tasmania non sono corridori eccezionalmente veloci, ma possono correre per un lungo periodo di tempo. Inoltre, sono eccellenti scalatori e nuotatori.

La stagione riproduttiva del diavolo della Tasmania dura da marzo a maggio. Le madri del diavolo della Tasmania hanno un periodo di gestazione di 3 settimane. Come tutti i marsupiali, le madri del diavolo della Tasmania danno alla luce piccoli molto piccoli.

Una volta nati, i bambini chiamati folletti strisciano attraverso la pelliccia della madre ed entrano nel suo marsupio, che è comune tra i marsupiali australiani come il Koala o il canguro. Può avere fino a 50 giovani alla volta, ma solo un massimo di 4 sopravvive dalla borsa. I bambini rimangono nel marsupio per quattro mesi.

Quando escono dalla borsa, i folletti spesso cavalcano sulla schiena delle loro madri, come giovani koala o opossum; oppure restano in studio mentre lei caccia.

La loro popolazione in declino li mette in pericolo

Le minacce ai diavoli della Tasmania includono attacchi di cani domestici, cani selvatici come dingo australiani e volpi, essere colpiti da veicoli, perdita di habitat a causa dell'industria del disboscamento e dei raccolti; così come le malattie.

Negli anni '1990, la popolazione totale dei diavoli della Tasmania era stimata tra 130,000 e 150,000. Tuttavia, da allora la popolazione è in continuo e rapido declino.

Tragicamente, dalla metà degli anni '1990, una malattia catastrofica ha ucciso decine di migliaia di diavoli della Tasmania. Chiamata malattia del tumore facciale del diavolo, questa condizione mortale è un raro cancro contagioso che causa la formazione di protuberanze intorno alla bocca e alla testa dell'animale, rendendo difficile l'alimentazione.

Questa diminuzione della loro popolazione li ha inseriti nell'elenco degli animali in via di estinzione dall'Unione internazionale per la conservazione, che li ha inclusi nel Lista rossa che mira a creare consapevolezza per la sua conservazione.

Il governo dello stato della Tasmania è venuto a conoscenza di questa situazione e ha creato più parchi nazionali, nonché piani di conservazione per le popolazioni di diavoli della Tasmania su questa isola australiana.

Se stai facendo escursioni in Australia, è possibile che viaggiando in Tasmania e facendo sentieri come il Overland Track, potresti imbatterti in uno di questi esemplari.



Fissalo
5 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00 (1 Vote)

ebay-ecoturismo

Leggi anche ...

Questo sito utilizza i cookie

I cookie su questo sito Web vengono utilizzati per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire funzionalità dei social media e analizzare il traffico. Inoltre, condividiamo le informazioni sull'utilizzo del sito Web con i nostri partner di social media, pubblicità e analisi dei dati web, che possono combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal tuo utilizzo dei loro servizi.