fbpx
plastica

Demistificazione della plastica: bioplastiche

caricatore

La plastica è riciclabile!

Sebbene sia vero che la plastica sia uno dei maggiori problemi dei rifiuti generati dall'uomo, la radice del problema non è il suo utilizzo in sé, ma l'uso indiscriminato e il terribile smaltimento che se ne fa quando è finito. Usato.

La plastica rappresenta oltre il 10% dei nostri rifiuti domestici. In generale, più di tre quarti dei contenitori di plastica finiscono in discarica senza essere utilizzati, solo il 5% circa viene incenerito per generare energia e meno del 7% viene riciclato. La biodegradazione della plastica è estremamente difficile e questo fa sì che, una volta depositata in discarica, vi rimanga per secoli.

Inviando i nostri rifiuti di plastica al riciclaggio abbiamo diversi effetti benefici sull'ambiente, riduciamo la quantità di plastica nelle discariche, risparmiamo altre risorse naturali e può anche essere utilizzata, a fine vita, come combustibile per generare energia poiché il la stragrande maggioranza, quelli di uso comune, sono prodotti da petrolio o gas naturale.

Sì, è vero che la maggior parte delle plastiche, soprattutto quelle poco costose e attualmente ampiamente utilizzate, impiegano secoli e persino millenni a degradarsi nel terreno, ma è anche vero che la maggior parte delle plastiche, opportunamente smaltite, sono pregiate per le caratteristiche che consentirne il riutilizzo e il riciclaggio al momento dello smaltimento, di nuovo, smaltendolo correttamente.

Il compostaggio della plastica e degli additivi ossodegradabili per la plastica esiste da diversi decenni e probabilmente spiega perché sono ancora prevalenti.

Gli additivi biodegradabili nelle discariche sono relativamente nuovi e stanno ancora facendo progressi nel processo di progettazione della plastica. Hanno tutti caratteristiche diverse e il metodo di rimozione target deve essere attentamente considerato prima di selezionare qualsiasi metodo.

Qual è la differenza tra biodegradabile e degradabile?

Degradabile è un termine generico usato per indicare che un prodotto si scompone in parti più piccole o si trasforma in un'altra forma.

Ad esempio, l'acciaio si degrada (arrugginisce) in un ossido di ferro.

Biodegradabile è un termine più specifico che spiega il processo di degradazione di un prodotto. Quando un prodotto si biodegrada, viene digerito da batteri, funghi o alghe e si decompone in biogas (CO2 per la degradazione aerobica e CH4 per la degradazione anaerobica) e una biomassa impregnata o humus che produce fertilizzanti per le piante.

I sottoprodotti biodegradabili sono naturalmente riciclati nel ciclo terrestre.

Plastiche biodegradabili nelle discariche

Realizzato aggiungendo un additivo organico a una plastica convenzionale al momento della produzione, è un tipo di plastica che consente di essere digerito dai microrganismi naturali nella discarica.

Le plastiche biodegradabili hanno molti vantaggi per il loro utilizzo, oltre alla loro degradazione:

Non si rompe sullo scaffale. Non ha problemi di conservabilità. Può essere reinserito nella corrente principale del riciclaggio della plastica. Molti hanno l'approvazione della FDA per l'imballaggio alimentare. I consumatori possono smaltirlo nel modo in cui sono abituati a smaltire i rifiuti, ovvero depositarlo in un contenitore.

Plastiche compostabili (BioPlastiche)

Sono generalmente realizzati con materiali vegetali, non prodotti petroliferi. Si biodegrada solo in un impianto di compostaggio commerciale.

Quando si biodegradano in un impianto di compostaggio commerciale, vengono degradati aerobicamente in CO2 e biomassa. Tuttavia, ciò significa che l'energia molecolare nella plastica è andata persa per sempre e non può più essere utilizzata per generare elettricità.

La combustione della plastica in un impianto di termovalorizzazione recupera la maggior parte dell'energia dalla plastica e la converte in CO2 e vapore o elettricità.

Allo stesso modo, la biodegradazione anaerobica di una plastica in una discarica che produce metano che può essere raccolto e bruciato per produrre CO2 ed energia.

Sono spesso pubblicizzati come plastica verde a causa delle origini delle loro piante, ma non sono più verdi della plastica convenzionale se la bioplastica viene inviata a un impianto di compostaggio commerciale.

Non si biodegradano in una normale discarica poiché hanno bisogno di ossigeno, alte temperature (> 60 ° C) e umidità per biodegradarsi che solo queste stazioni possono fornire.

Come identificare una bio-plastica?

Sono contrassegnati sul loro simbolo di riciclaggio con # 7 come codice di identificazione della plastica.

plastica-7

È importante notare che tutti i nostri rifiuti possono essere utilizzati in un modo o nell'altro se vengono smaltiti in modo pulito e corretto, la plastica in particolare, come abbiamo detto, può essere riciclata per generare materia prima per nuovi prodotti in plastica con durate simili e anche maggiori di quelli che avevano inizialmente se si fabbricano prodotti come mobili da giardino, segnali stradali, panchine o persino corde.

Quindi, sei disposto a valorizzare i tuoi rifiuti di plastica a favore dell'ambiente? Leggi la nostra sezione su riciclaggio e cambia le tue abitudini a favore del pianeta

Seguiteci e mettete un "like":
errore0
fb-share-icon0
Tweet 5k
fb-share-icon3

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.